Stemma e logo di Comune di Montale
Comune di Montale - Sito Ufficiale | Via Gramsci 19, 51037 - Montale (PT) - tel. 0573.9521 | 0573.55001 | Indirizzi PEC
Home Page home page
Contattaci contattaci
Eventi della vita eventi della vita
Aree Tematiche aree tematiche
Elenco A-Z elenco A-Z
Rubrica del Comune rubrica del Comune
Ricerca allegati ricerca allegati

Sei in:  home » uffici » Affari Generali e Servizi dello Stato » RELAZIONI CON IL PUBBLICO - Associato Comuni di Agliana e Montale » CACCIA, PESCA E FUNGHI » scheda prestazione

News dal mondo

Rilascio tesserino venatorio per l'esercizio della caccia

Oggetto della prestazione

L'attività venatoria può essere esercitata da chi abbia compiuto il 18° anno di età, sia munito della licenza di porto di fucile per uso caccia e di assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi nel rispetto dei minimi previsti dalla Legge.
Nei 12 mesi successivi al primo rilascio della licenza, il cacciatore può praticare l'esercizio venatorio solo se accompagnato da un altro cacciatore in possesso di regolare licenza rilasciata da almeno 3 anni.
Per esercitare l'attività venatoria è altresì necessario essere muniti del tesserino regionale che viene rilasciato dal Comune di residenza ed è valido in tutto il territorio nazionale.
Il tesserino è personale e riporta l'indicazione della forma di caccia prescelta. Con il tesserino il cacciatore riceve copia del calendario venatorio.

Requisiti che devono essere posseduti dal richiedente

- Essere residenti nel Comune di Montale da almeno un anno. I cacciatori che hanno cambiato residenza dopo l'inizio della precedente stagione venatoria ritireranno il tesserino presso il Comune di provenienza e allo stesso lo riconsegneranno.
- Aver compiuto il 18° anno di età;
- Essere in possesso del porto d'armi per uso caccia in regola con le tasse di concessione governativa e regionale.

Modalità di richiesta

Richiesta verbale presso l'ufficio

Modalità e tempi di erogazione del servizio

Per coloro che hanno effettuato il pagamento dell'iscrizione all'A.T.C. sugli appositi bollettini prestampati dalla Regione nei termini previsti dalla normativa regionale,  il rilascio è immediato;

Ai cacciatori che, a causa del ritardato pagamento dell'iscrizione all'A.T.C., non sia pervenuto il tesserino venatorio, il Comune ne consegnerà uno in bianco compilato nella sola parte anagrafica (nel caso in cui nella passata stagione non sia stata esercitata l'attività venatoria, sarà richiesta alla Regione Toscana la riattivazione del codice cacciatore). Sarà cura del cacciatore recarsi presso l'A.T.C. per la compilazione e convalida della parte venatoria del tesserino. Si precisa che il Comune è abilitato a confermare l'iscrizione all'A.T.C. sul tesserino venatorio ai cacciatori che, pur avendo effettuato il versamento entro il 15 maggio sugli appositi bollettini prestampati dalla Regione, non sia stato predisposto il tesserino precompilato ovvero non sia stato confermato l'A.T.C..
Il Comune può inoltre procedere, su presentazione della ricevuta attestante il pagamento della quota d'iscrizione all'A.T.C., alla conferma sul tesserino venatorio dell'ATC  di residenza venatoria purché coincidente con la residenza anagrafica.

Per i cacciatori toscani autorizzati ad esercitare la caccia in A.T.C. non toscani, il Comune annoterà sul tesserino, su richiesta dell'interessato e dietro esibizione di avvenuto versamento della quota, la sigla dell'A.T.C. dove è stato autorizzato.

Per coloro che abbiano ottenuto il porto d'armi per la prima volta, il Comune su richiesta dell'interessato,  attribuirà il codice cacciatore.

Documentazione da presentare e allegati da scaricare

All'atto del ritiro del tesserino venatorio è necessario presentarsi muniti di:
1) Licenza di porto di fucile per uso caccia in regola con le tasse di concessione governativa e regionale
2) Tesserino stagione venatoria 2016-2017 (o ricevuta se già riconsegnato);
3) Allegato alla licenza di caccia (modello di colore giallo);
4) Codice fiscale.

In caso di smarrimento, furto, deterioramento dei documenti di cui ai punti 2 e 3 è necessaria denuncia in originale rilasciata dall'Autorità di Pubblica Sicurezza.

N.B. I documenti di cui ai punti 2 e 3 non sono richiesti per i nuovi titolari di porto d'armi.

Contributi a carico dell'utente

Il rilascio del tesserino non comporta alcuna spesa.

Si ricordano gli importi attualmente in vigore che i cacciatori dovranno annualmente versare per l'esercizio della caccia e che sono condizione per il rilascio del tesserino venatorio:

- Tassa di rilascio e/o di rinnovo della concessione governativa, da effettuarsi sul Conto Corrente 8003 intestato a Agenzia delle Entrate - Centro Operatico di Pescara - tasse concessioni governative

€. 173,16 (unificato)

   
- Tassa di rilascio e/o rinnovo di concessione regionale all'abilitazione all'esercizio venatorio da effettuarsi sul C.C.P. 00109504 intestato a Regione Toscana - Tesoreria Regionale - Tassa per l'esercizio venatorio

- Tassa di concessione regionale per licenza di appostamento fisso

€. 23,00 (unificato)

 


€. 56,00 (unificato)

NOTA: Il versamento della Tassa annuale di concessione regionale deve essere effettuato in occasione del pagamento della tassa di rilascio o di rinnovo della concessione governativa per la licenza di porto d'armi ad uso di caccia ed ha validità di 1 anno dalla data di rilascio della concessione governativa
  Essa non è dovuta qualora durante l'anno il cacciatore eserciti l'attività venatoria esclusivamente all'estero.
Nel caso di diniego della licenza di porto di fucile per uso di caccia la tassa regionale deve essere rimborsata; La tassa di concessione regionale viene rimborsata anche al cacciatore che rinunci all'assegnazione dell'ambito territoriale di caccia;
La tassa di rinnovo non è dovuta qualora non si eserciti la caccia durante l'anno

Eventuali note per l'utente

Dalla stagione venatoria 2017/2018, è stata adottata dalla Regione la App denominata "TosCaccia", relativa alla digitalizzazione del Tesserino Venatorio, che da la facoltà ad ogni cacciatore toscano di scaricare gratuitamente su ogni telefono cellulare compatibile, relativa alle procedure di configurazione e alle modalità di utilizzazione e registrazione dei dati richiesti dalla normativa vigente, in particolare contenute nell'Art 6 della L.R. 10 giugno 2002 n. 20. Tale applicativo contiene tutte le specifiche necessarie alla registrazione delle giornate di caccia, ai luoghi prescelti e alla segnalazione dei capi abbattuti, nonché alle procedure di registrazione della mobilità venatoria già contenute nel Tesserino Venatorio tradizionale cartaceo. L'utilizzo di tale applicazione è facoltativa e non obbligatoria, i cacciatori toscani possono scegliere di continuare ad utilizzare il tesserino venatorio cartaceo tradizionale. L'adozione e l'utilizzo di tale App, sostituisce a tutti gli effetti la compilazione del Tesserino Venatorio tradizionale cartaceo, anche se non precludono in questa prima fase sperimentale il ritiro e la riconsegna del medesimo presso il Comune di residenza e il possesso del tesserino venatorio cartaceo durante l'attività venatoria. Tutte le informazioni relative alla App. TosCaccia sono comunque contenute nella Delibera di Giunta Regionale n. 803 del 24/07/2017.        

Nelle aziende agrituristico venatorie non è necessario il possesso del tesserino per l'esercizio dell'attività venatoria.

Il tesserino è mezzo di controllo delle quantità e delle specie prelevate e a tal fine deve essere riconsegnato al Comune di residenza all'atto del ritiro del tesserino valido per la stagione successiva e comunque entro e non oltre il giorno 31 agosto di ciascun anno. La riconsegna è condizione necessaria per il ritiro del tesserino relativo all'annata venatoria successiva.

Per la mancata riconsegna del tesserino venatorio è prevista una sanzione amministrativa da €. 5 a €. 30 (art. 14)

Leggi e norme di riferimento

Legge 11/02/1992, n. 157 - norme per la protezione della fauna e per il prelievo venatorio;
L.R. 12/01/1994, n. 3 - recepimento della legge nazionale 11/02/1992 n. 157
L.R. 29/7/1999, n. 43 - disposizioni in materia di tasse sulle concessioni regionali;
Calendario venatorio regionale 2017-2018 con allegati "A" e "B" (Delibera GRT n. 711 del 26-06-2017)
Calendario venatorio regionale 2017-2018 (ridotto)
Calendario Venatorio 2017-2018 (per territori Provinciali)
Delibera di Giunta Regionale n. 803 del 24/07/2017

 

 

Referenti

Antonella Toninelli - Andrea Bargiotti - Andrea Cavazzoni

Validità

Annuale

Reclami, ricorsi e opposizioni

Avverso il provvedimento conclusivo può essere proposto ricorso giurisdizionale innanzi al T.A.R. entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione del provvedimento stesso, oppure ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro 120 giorni dalla comunicazione del provvedimento.    

Dove rivolgersi

URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) - Palazzo Comunale, Via A. Gramsci n. 19 - Montale (PT) Tel. 0573952229/76 - Fax 057355001 - e.mail: urp@comune.montale.pt.it

Servizio funzionale

Affari Generali e Servizi dello Stato

Descrizione

LINK UTILI:

http://www.regione.toscana.it/cittadini/ambiente/caccia-e-pesca

http://www.provincia.pistoia.it/indici/el_CacciaPesca.asp

 

Orario

Dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8:15 alle ore 13:00 - Sabato dalle ore 8:15 alle ore 12:00

Responsabile del procedimento Elena Santoro
Pagina aggiornata il 18/08/2017 da admin
  • Comune di Montale
  • Via Gramsci 19, 51037 - Montale (PT)
  • Telefono: 0573.9521
  • Fax: 0573.55001
  • Numero di abitanti: 10.758
  • P.IVA: 00378090476
  • Codice Fiscale: 80003370477
  • Codice IBAN: IT93H0626070450000000113C01

Portale Web e Content Management System realizzati da SPAD srl | Openpage CMS